Passa ai contenuti principali

Il caso Jane Eyre


Per un lettore l’idea di poter saltar dentro un libro o una poesia è di per sé estremamente affascinante e intrigante, e a me è bastato questo per convincermi che valeva la pena intraprendere la serie creata da Jasper Fforde.  
Chi di noi non ha mai desiderato almeno una volta potersi ritrovare in quegli ambienti descritti in un libro tanto amato, conoscerne i protagonisti e magari vivere la storia con loro! Sarebbe assolutamente fantastico se potesse accadere davvero come succede a Thursday Next, il personaggio principale del libro, che da bambina è riuscita ad entrare nel romanzo di Charlotte Bronte “Jane Eyre” proprio nel momento in cui Rochester e Jane si incontravano per la prima volta, modificandone anche un po’ la circostanza.
 Da quel momento però sono passati tanti anni e Thursday ormai adulta attribuisce quell’evento speciale soltanto alla fervida immaginazione di una bambina affascinata dalla letteratura. Ora la donna, dopo aver combattuto in Crimea, perché nel mondo di Thursday l’Inghilterra è impegnata in una guerra sterile e centenaria contro la Russia per il dominio della penisola, è una Detective letteraria, un lavoro che sembrerebbe tra i più stimolanti e interessanti del pianeta se non fosse che il ruolo dei DLett si limita nella maggior parte dei casi a rintracciare contraffattori e falsari, almeno fino a quando un evento inspiegabile  e di enorme portata si verifica: il furto del manoscritto originale di “Martin Chuzzlewitt”.
L’importanza del ritrovamento va oltre a quello che un normale lettore si potrebbe aspettare, dato che modificando qualcosa nel testo originale di un opera, la si altera per sempre, ed è proprio su questo che punta il temibilissimo criminale Acheron Hades, vecchia conoscenza di Thursday, il quale dopo aver rapito anche lo zio della ragazza, inventore della macchina che permette di entrare in qualsiasi opera letteraria, rapirà uno dei personaggi della storia a scopo di ricatto. Le nefandezze di Hades però sembrano non aver fine e dopo essersi impossessato anche del manoscritto originale di “Jane Eyre” sarà il turno di Jane di essere rapita, ma ora come farà la storia a continuare senza la sua eroina?
 Intanto la nostra DLett dovrà anche fare i conti anche con il proprio passato e l’indimenticato amore della sua vita, lasciato dieci anni prima ma mai veramente superato.
Il romanzo è senza dubbio molto godibile, un piacevole intermezzo da alternare a mio avviso a letture più serie o impegnative perché leggersi tutta la serie di Thursday Next  d’un fiato potrebbe annoiare un po’,mentre invece dividersi i volumi, spaziando nel mentre tra generi diversi, dovrebbe essere la chiave giusta per godersi appieno le avventure della DLett più ardita che si sia mai vista!

Commenti

Post popolari in questo blog

Analisi della poesia "LA GINESTRA" di Giacomo Leopardi

Composta nel 1836 la ginestra è l’espressione della poetica che caratterizzò gli ultimi anni di Leopardi, non più idilliaca  ma eroica in cui il poeta difende le proprie posizioni e il proprio pensiero più caparbiamente e coraggiosamente. La poesia è stata ispirata dalla vivida impressione lasciata nell’animo del poeta dalla visione del fiore della ginestra sulle pendici del Vesuvio 
“ Qui  sull’arida pendice del terribile e distruttore monte Vesuvio che non è abbellito da nessun altro albero o fiore distendi i tuoi rami intorno profumata  ginestra, che ami i luoghi aridi .Ti vidi altre  volte abbellire con i tuoi steli luoghi desolati che circondano la città  che un tempo fu padrona del mondo e sembra che con il triste e silenzioso aspetto rendano la testimonianza e il ricordo dell’impero scomparso. Ora ti rivedo in questo terreno, amante dei luoghi tristi e abbandonati dal mondo e sempre compagna di grandezze decadute. Questi campi cosparsi di ceneri che li rendono sterili e  ricoper…

“LEZIONE D’ANATOMIA” Arrigo Boito

ANALISI DELLA POESIA “LEZIONE D’ANATOMIA” Arrigo Boito
Parafrasi: La sala è tetra: dal cielo scuro discende l’alba che si riflette sul freddo letto con una luce fioca. Chi dorme? Una malata di tisi morta ieri all’ospedale sottratta alla pace dei cimiteri e al funerale:tolta alla dolce cantilena del prete e al dormitorio, tolta alle gocce quiete come di rugiada dell’aspersorio. Delitto! Il suo petto sanguina attraverso una terribile ferita. Ed era giovane! Ed era bionda! Ed era bella! Con quel cadavere (unione infeconda! Conoscenza illusoria!) tu scienza umana aumenti il numero dei dubbi. Mentre il medico grida la sua lezione e cita adeguatamente Vesalio, Ippocrate, Harvey, Bacone, Sprengel e Koch, io penso ai dolci pensieri che hanno attraversato quella testa, ai sogni meravigliosi invano sognati da quella povera giovane. Penso alle mille cose impalpabili che si fondano sulla speranza! Finzione che scompare più facilmente che una strofe di quattro versi. Anche qu…

Analisi Canto notturno

Analisi “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia” Giacomo Leopardi Questa poesia è stata composta tra il 1829 e il 1830 ed è quindi cronologicamente l’ultimo dei Grandi Idilli pisano-recanatesi . In esso possiamo rintracciare ancora elementi propri della poetica dell’ indefinito e del vago, ma l’elemento più importante di tale canto è la presenza di quesiti esistenziali destinati a rimanere insoluti, tramite i quali il poeta si sofferma a riflettere sulla costitutiva infelicità che investe l’intero genere umano e tutti gli esseri viventi. Il canto si apre con un semplice pastore preso come simbolo dell’umanità intera che si rivolge alla luna, la quale si configura come l’interlocutore del pastore dal quale egli aspetta vanamente delle risposte a problemi esistenziali e universali, ma tali domande non sono altro che interrogative retoriche di cui il poeta conosce già la risposta. "Che fai tu luna nel cielo? Dimmi che cosa fai o luna silenziosa " Già nei primi due versi …