Passa ai contenuti principali

Northanger Abbey

 Northanger Abbey

Ed eccomi qui in un momento in cui non ho proprio nulla da fare, in attesa dell’inizio dell’università, che decido di prendere in mano dopo un periodo di pausa quasi vergognosamente lungo, un nuovo libro,perché io senza far niente non ci so proprio stare! Mi ero ripromessa che in questo mese mi sarei dovuta dedicare all’ozio più completo, beh ci sono riuscita per quasi dieci giorni, poi ho ceduto, anche perché nella mia giornata c’erano proprio un paio d’orette che non riuscivo ad occupare in nessun modo e nelle quali mi annoiavo a morte, niente di meglio che riempirle con un libro. Ed ecco che mi capita tra le mani una garanzia di buona riuscita, non un libro qualsiasi ma una sicurezza, perché leggere Jane Austen per me non è altro che questo, una specie di tutela, certo nell’avvicinarmi a “l’abbazia di Northanger” non mi aspettavo un capolavoro ai livelli di orgoglio e pregiudizio o persuasione ma sapevo dentro di me che non mi avrebbe deluso, una convinzione che si è rivelata esatta. Il libro è molto scorrevole, naturalmente ben scritto anche se in alcuni passi ho trovato l’articolazione del periodo un po’ macchinosa e non fluida come mi sarei aspettata ma non so se attribuire questa piccola mancanza alla traduzione o meno. E’ certamente un romanzo piacevole che cattura il lettore a partire dalla seconda metà, ci si ritrovano tutti gli elementi che caratterizzano gli altri scritti dell’autrice e in più una pungente ironia nei confronti del romanzo gotico, devo infatti confessare che più di una volta mi sono ritrovata a ridere di gusto davanti alle imbarazzanti situazioni in cui la protagonista si va a cacciare e in varie occasioni mi sono ripetuta “ non può essere così sciocca da fare questo!!” e poi come rimanere impassibili di fronte a personaggi a mio parere esilaranti quali Isabel e suo fratello John. Insomma anche questa volta la Austen è stata capace di catturare la mia curiosità e coinvolgermi nella storia anche se all’inizio nutrivo dei dubbi in proposito in quanto risulta un po’difficile immedesimarsi nei vari personaggi un po’ troppo eccessivi in certi loro caratteri che finiscono per giganteggiare dando l’idea di personalità un po’ piatte  i cosiddetti “flat characters” ma d’altronde credo che questo fosse il loro ruolo all’interno dell’economia del romanzo ed hanno indubbiamente assurto alla loro funzione di mettere in ridicolo certi comportamenti della società inglese. Quindi a ben vedere non c’è nulla fuori posto in questo romanzo in quanto ogni cosa concorre a comporre un buon intreccio.
Unica pecca a mio parere il finale troppo affrettato, avrei preferito qualche pagina in più ma mi rendo conto che forse il vero scopo della scrittrice non era quello di dilungarsi sull’ happy ending, accettando questa considerazione non posso dire altro che di essere soddisfatta di questa lettura che consiglio vivamente!!

Commenti

Post popolari in questo blog

Analisi della poesia "LA GINESTRA" di Giacomo Leopardi

Composta nel 1836 la ginestra è l’espressione della poetica che caratterizzò gli ultimi anni di Leopardi, non più idilliaca  ma eroica in cui il poeta difende le proprie posizioni e il proprio pensiero più caparbiamente e coraggiosamente. La poesia è stata ispirata dalla vivida impressione lasciata nell’animo del poeta dalla visione del fiore della ginestra sulle pendici del Vesuvio 
“ Qui  sull’arida pendice del terribile e distruttore monte Vesuvio che non è abbellito da nessun altro albero o fiore distendi i tuoi rami intorno profumata  ginestra, che ami i luoghi aridi .Ti vidi altre  volte abbellire con i tuoi steli luoghi desolati che circondano la città  che un tempo fu padrona del mondo e sembra che con il triste e silenzioso aspetto rendano la testimonianza e il ricordo dell’impero scomparso. Ora ti rivedo in questo terreno, amante dei luoghi tristi e abbandonati dal mondo e sempre compagna di grandezze decadute. Questi campi cosparsi di ceneri che li rendono sterili e  ricoper…

“LEZIONE D’ANATOMIA” Arrigo Boito

ANALISI DELLA POESIA “LEZIONE D’ANATOMIA” Arrigo Boito
Parafrasi: La sala è tetra: dal cielo scuro discende l’alba che si riflette sul freddo letto con una luce fioca. Chi dorme? Una malata di tisi morta ieri all’ospedale sottratta alla pace dei cimiteri e al funerale:tolta alla dolce cantilena del prete e al dormitorio, tolta alle gocce quiete come di rugiada dell’aspersorio. Delitto! Il suo petto sanguina attraverso una terribile ferita. Ed era giovane! Ed era bionda! Ed era bella! Con quel cadavere (unione infeconda! Conoscenza illusoria!) tu scienza umana aumenti il numero dei dubbi. Mentre il medico grida la sua lezione e cita adeguatamente Vesalio, Ippocrate, Harvey, Bacone, Sprengel e Koch, io penso ai dolci pensieri che hanno attraversato quella testa, ai sogni meravigliosi invano sognati da quella povera giovane. Penso alle mille cose impalpabili che si fondano sulla speranza! Finzione che scompare più facilmente che una strofe di quattro versi. Anche qu…

Analisi Canto notturno

Analisi “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia” Giacomo Leopardi Questa poesia è stata composta tra il 1829 e il 1830 ed è quindi cronologicamente l’ultimo dei Grandi Idilli pisano-recanatesi . In esso possiamo rintracciare ancora elementi propri della poetica dell’ indefinito e del vago, ma l’elemento più importante di tale canto è la presenza di quesiti esistenziali destinati a rimanere insoluti, tramite i quali il poeta si sofferma a riflettere sulla costitutiva infelicità che investe l’intero genere umano e tutti gli esseri viventi. Il canto si apre con un semplice pastore preso come simbolo dell’umanità intera che si rivolge alla luna, la quale si configura come l’interlocutore del pastore dal quale egli aspetta vanamente delle risposte a problemi esistenziali e universali, ma tali domande non sono altro che interrogative retoriche di cui il poeta conosce già la risposta. "Che fai tu luna nel cielo? Dimmi che cosa fai o luna silenziosa " Già nei primi due versi …