Passa ai contenuti principali

The Indipendence of Miss Mary Bennet


The Indipendence of Miss Mary Bennet              



Lo faccio o non lo faccio? Do una possibilità al libro della McCullough oppure lo cestino direttamente? A questo punto una premessa è d’obbligo: non credo che mi sarei mai nemmeno posta tale domanda se questo libro non mi fosse stato così caldamente raccomandato, ed ora il volume mi fissa dall’alto della pila di libri su cui l’ho distrattamente posato quando sono rientrata a casa. La decisione da prendere è ardua perché più o meno so a cosa sto andando incontro cioè ad un libro che non potrà mai nemmeno lontanamente essere all’altezza di quel  “Pride and Prejudice” che ho tanto amato, so che troverò un’inevitabile banalizzazione degli indimenticabili personaggi che la penna della Austen ha saputo così magistralmente tratteggiare e questa consapevolezza non mi piace affatto. Provo una sensazione di fastidio e di diffidenza mentre guardo il volume di soppiatto, indecisa se fidarmi o no ma almeno devo provarci, altrimenti non saprò cosa dire quando la mia amica mi chiederà il suo parere, non potrò risponderle dicendo di non averlo nemmeno mai iniziato per paura che mi rovinasse il lieto fine che trapela dalle ultime pagine del libro di Jane Austen.
Ma dopotutto il rischio c’è, dato che spesso è meglio che certe cose rimangano avvolte da un lieve alone misterioso, come da una nebbia soffusa che le renda incerte e impalpabili e penso che il futuro delle vicende della famiglia bennet sia una di queste.
Forse è questo il segreto per avvicinarsi a questo libro: lasciare da parte ogni aspettativa e fare un po’ come se nella nostra mente ci fossero tanti compartimenti stagni così da separare felicemente l’originale dal “sequel” non tentando nemmeno di fare paragoni e immaginando che Elizabeth e Darcy non siano altro che una specie di repliche un po’sbiadite degli originali con i quali condividono poco più che il nome; poi si vedrà.

Commenti

Post popolari in questo blog

Analisi della poesia "LA GINESTRA" di Giacomo Leopardi

Composta nel 1836 la ginestra è l’espressione della poetica che caratterizzò gli ultimi anni di Leopardi, non più idilliaca  ma eroica in cui il poeta difende le proprie posizioni e il proprio pensiero più caparbiamente e coraggiosamente. La poesia è stata ispirata dalla vivida impressione lasciata nell’animo del poeta dalla visione del fiore della ginestra sulle pendici del Vesuvio 
“ Qui  sull’arida pendice del terribile e distruttore monte Vesuvio che non è abbellito da nessun altro albero o fiore distendi i tuoi rami intorno profumata  ginestra, che ami i luoghi aridi .Ti vidi altre  volte abbellire con i tuoi steli luoghi desolati che circondano la città  che un tempo fu padrona del mondo e sembra che con il triste e silenzioso aspetto rendano la testimonianza e il ricordo dell’impero scomparso. Ora ti rivedo in questo terreno, amante dei luoghi tristi e abbandonati dal mondo e sempre compagna di grandezze decadute. Questi campi cosparsi di ceneri che li rendono sterili e  ricoper…

“LEZIONE D’ANATOMIA” Arrigo Boito

ANALISI DELLA POESIA “LEZIONE D’ANATOMIA” Arrigo Boito
Parafrasi: La sala è tetra: dal cielo scuro discende l’alba che si riflette sul freddo letto con una luce fioca. Chi dorme? Una malata di tisi morta ieri all’ospedale sottratta alla pace dei cimiteri e al funerale:tolta alla dolce cantilena del prete e al dormitorio, tolta alle gocce quiete come di rugiada dell’aspersorio. Delitto! Il suo petto sanguina attraverso una terribile ferita. Ed era giovane! Ed era bionda! Ed era bella! Con quel cadavere (unione infeconda! Conoscenza illusoria!) tu scienza umana aumenti il numero dei dubbi. Mentre il medico grida la sua lezione e cita adeguatamente Vesalio, Ippocrate, Harvey, Bacone, Sprengel e Koch, io penso ai dolci pensieri che hanno attraversato quella testa, ai sogni meravigliosi invano sognati da quella povera giovane. Penso alle mille cose impalpabili che si fondano sulla speranza! Finzione che scompare più facilmente che una strofe di quattro versi. Anche qu…

Analisi Canto notturno

Analisi “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia” Giacomo Leopardi Questa poesia è stata composta tra il 1829 e il 1830 ed è quindi cronologicamente l’ultimo dei Grandi Idilli pisano-recanatesi . In esso possiamo rintracciare ancora elementi propri della poetica dell’ indefinito e del vago, ma l’elemento più importante di tale canto è la presenza di quesiti esistenziali destinati a rimanere insoluti, tramite i quali il poeta si sofferma a riflettere sulla costitutiva infelicità che investe l’intero genere umano e tutti gli esseri viventi. Il canto si apre con un semplice pastore preso come simbolo dell’umanità intera che si rivolge alla luna, la quale si configura come l’interlocutore del pastore dal quale egli aspetta vanamente delle risposte a problemi esistenziali e universali, ma tali domande non sono altro che interrogative retoriche di cui il poeta conosce già la risposta. "Che fai tu luna nel cielo? Dimmi che cosa fai o luna silenziosa " Già nei primi due versi …