Passa ai contenuti principali

A riveder le stelle

Mi sono trovata poco tempo fa ad assistere ad un seminario costituito da quattro incontri che attraversando diversi secoli ha analizzato, più o meno approfonditamente le influenze che il cosmo, lo studio di esso, le scoperte scientifiche hanno avuto sulla produzione letteraria dei più grandi scrittori italiani e più in generale le ripercussioni che hanno generato nella storia dell’uomo.

Il primo incontro è stato incentrato innanzi tutto sul rapporto uomo-cielo, infatti l’uomo ha sempre rivolto il suo interesse verso il cielo, sin dagli albori della sua storia, lo ha sempre osservato per trarne benefici, ma anche solo per piacere e curiosità. I primi a studiare il cielo procedendo su due binari paralleli, sono stati i Greci, infatti lo hanno osservato sia in modo scientifico e razionale, ma anche in modo poetico. Purtroppo oggi è stato sottolineato nel corso dell’incontro, si è persa l’abitudine di fissare il cielo e le stelle ed è diventato sempre più difficile sia a causa dei ritmi forsennati che la società di oggi ci impone, ma anche perché l’uomo con l’andare avanti degli anni con l’avvento della modernità, delle nuove tecnologie ha come posto una barriera tra sé e il cielo fatta di luci artificiali, enormi edifici, smog è quant’ altro, l’ironia della cosa è che proprio ora che abbiamo più informazioni riguardo al cosmo ce ne siamo allontanati. Il discorso è proseguito parlando in modo molto superficiale e generico, come d’altronde era inevitabile fare dato il poco tempo a disposizione, di Dante che nella sua “Divina Commedia” ha posto Dio nel cielo, più in particolare nell’empireo, che di fatto però come è stato evidenziato dal relatore è una sorta di ogni dove, un universo parallelo, un luogo spirituale, fuori dal tempo e dallo spazio. Sempre in relazione al rapporto che c’è tra uomo e cielo si è analizzata la figura del melanconico (prima dell’accezione datagli dai romantici) che rappresenta il genio, l’artista , l’uomo che è sia profondamente radicato nelle passioni terrene,caduche, ma allo stesso tempo che è dotato di una mente speculativa che lo proietta verso il cosmo, quindi egli diventa il tramite che congiunge terra e cielo.
Troviamo un elemento cosmico anche in Tasso, infatti, nella sua “Gerusalemme liberata” il conflitto tra cristiani e musulmani è prima di tutto il conflitto tra angeli e demoni.
L’incontro si è poi concluso affermando che l’universo, ha una sua storia, si è evoluto, è cambiato nel corso degli anni e l’uomo lo ha progressivamente capito mettendo da parte l’antica credenza che il cielo fosse qualcosa di immobile e perfetto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Analisi della poesia "LA GINESTRA" di Giacomo Leopardi

Composta nel 1836 la ginestra è l’espressione della poetica che caratterizzò gli ultimi anni di Leopardi, non più idilliaca  ma eroica in cui il poeta difende le proprie posizioni e il proprio pensiero più caparbiamente e coraggiosamente. La poesia è stata ispirata dalla vivida impressione lasciata nell’animo del poeta dalla visione del fiore della ginestra sulle pendici del Vesuvio 
“ Qui  sull’arida pendice del terribile e distruttore monte Vesuvio che non è abbellito da nessun altro albero o fiore distendi i tuoi rami intorno profumata  ginestra, che ami i luoghi aridi .Ti vidi altre  volte abbellire con i tuoi steli luoghi desolati che circondano la città  che un tempo fu padrona del mondo e sembra che con il triste e silenzioso aspetto rendano la testimonianza e il ricordo dell’impero scomparso. Ora ti rivedo in questo terreno, amante dei luoghi tristi e abbandonati dal mondo e sempre compagna di grandezze decadute. Questi campi cosparsi di ceneri che li rendono sterili e  ricoper…

“LEZIONE D’ANATOMIA” Arrigo Boito

ANALISI DELLA POESIA “LEZIONE D’ANATOMIA” Arrigo Boito
Parafrasi: La sala è tetra: dal cielo scuro discende l’alba che si riflette sul freddo letto con una luce fioca. Chi dorme? Una malata di tisi morta ieri all’ospedale sottratta alla pace dei cimiteri e al funerale:tolta alla dolce cantilena del prete e al dormitorio, tolta alle gocce quiete come di rugiada dell’aspersorio. Delitto! Il suo petto sanguina attraverso una terribile ferita. Ed era giovane! Ed era bionda! Ed era bella! Con quel cadavere (unione infeconda! Conoscenza illusoria!) tu scienza umana aumenti il numero dei dubbi. Mentre il medico grida la sua lezione e cita adeguatamente Vesalio, Ippocrate, Harvey, Bacone, Sprengel e Koch, io penso ai dolci pensieri che hanno attraversato quella testa, ai sogni meravigliosi invano sognati da quella povera giovane. Penso alle mille cose impalpabili che si fondano sulla speranza! Finzione che scompare più facilmente che una strofe di quattro versi. Anche qu…

Analisi Canto notturno

Analisi “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia” Giacomo Leopardi Questa poesia è stata composta tra il 1829 e il 1830 ed è quindi cronologicamente l’ultimo dei Grandi Idilli pisano-recanatesi . In esso possiamo rintracciare ancora elementi propri della poetica dell’ indefinito e del vago, ma l’elemento più importante di tale canto è la presenza di quesiti esistenziali destinati a rimanere insoluti, tramite i quali il poeta si sofferma a riflettere sulla costitutiva infelicità che investe l’intero genere umano e tutti gli esseri viventi. Il canto si apre con un semplice pastore preso come simbolo dell’umanità intera che si rivolge alla luna, la quale si configura come l’interlocutore del pastore dal quale egli aspetta vanamente delle risposte a problemi esistenziali e universali, ma tali domande non sono altro che interrogative retoriche di cui il poeta conosce già la risposta. "Che fai tu luna nel cielo? Dimmi che cosa fai o luna silenziosa " Già nei primi due versi …